L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Martedi, 24 aprile 2018 ore 07:00
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

Encomio al personale del Policlinico, modello di “Best practice” per l’Europa, da parte del Commissario straordinario del Governo per le persone scomparse

persone scomparseIl lavoro svolto dal personale del Dipartimento di Scienze per la promozione della salute e materno infantile “Giuseppe D’Alessandro” – Settore Medicina legale e del Policlinico “Paolo Giaccone” - Settore Diagnostica per immagini ospedaliero del Policlinico ha ricevuto un riconoscimento in ambito internazionale.
“Il lavoro svolto con grande impegno e professionalità dal personale del Policlinico è stato di altissimo livello – afferma il Commissario straordinario del Governo per le persone scomparse Vittorio Piscitelli in una lettera inviata al rettore dell’Università di Palermo Fabrizio Micari, – tanto da avere riconoscimenti in ambito internazionale, ed essere considerato come modello per l’Europa, in quanto esempio di “Best practice”.
Il Commissario straordinario del Governo si è congratulato per l’umanità e l’abilità dimostrata dal personale dell’Università di Palermo che ha collaborato con spirito umanitario e di servizio all’attività che ha visto impegnato il suo Ufficio, con il supporto dell’Istituto “Labanof” dell’Università degli Studi di Milano, nella delicata operazione volta alla identificazione delle numerose vittime di cittadini extracomunitari periti nel tragico naufragio del 18 aprile 2015.
Facevano parte al nucleo operativo la prof.ssa Antonina Argo e dai dottori Maria Rita Agliozzo, Gian Luigi Aronica, Giuseppina Garozzo, Antonio Guaiana, Daniele Daricello, Valentina Lo Re, Roberto Indovina, Ginevra Malta, Donatella Piscioneri, Marco Raimondo, Azzurra Rizzo, Fabiola Scalia, Cettina Sortino, Piero Tagliareni, Stefania Zerbo e Giuseppe Lo Re.