L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Venerdi, 22 settembre 2017 ore 02:50
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

#NonCiFermaNessuno contagia anche l’Università degli Studi di Palermo

luca abete unipa 2017La carovana dell’entusiasmo ha fatto tappa all’Università degli studi di Palermo per il quinto appuntamento della terza edizione del tour motivazionale di Luca Abete #NonCiFermaNessuno.
Un’aula colma di giovani ha accolto l’inviato di “Striscia la Notizia” Luca Abete, il quale ha stabilito un contatto diretto e senza filtri con i ragazzi e ha saputo trovare l’empatia giusta con tutti loro.
Tanti i sorrisi, tante le emozioni e tante le riflessioni che hanno caratterizzato questo incontro. Luca Abete, in veste di animatore del progetto #NonCiFermaNessuno, ha esortato i ragazzi ad uscire dalla propria area di confort. “Dovete sperimentare e sperimentarvi – ha detto - e cancellate dal vostro vocabolario l’espressione “sono negato”. E’ questa la chiave per il successo”.
Emozionante e pieno di significato il momento in cui Luca ha parlato ai giovani presenti degli ostacoli che si possono trovare nel percorso di vita. “Non esiste – ha proseguito - chi ha problemi e chi non ne ha. Esiste chi ha i problemi e non li affronta, subendoli e chi, invece, sfrutta le difficoltà come momenti di crescita per migliorarsi e impegnarsi ancora di più”.
Ad accogliere l’inviato di Striscia il prof. Paolo Inglese, delegato al potenziamento dei servizi agli studenti ed alle politiche relative al diritto allo studio.
“L’Università di Palermo – afferma Inglese - è estremamente contenta di ospitare questa manifestazione e Luca Abete in particolare. Motivare i ragazzi è essenziale e lo è ancora di più al Sud Italia dove motivazioni di tutti i tipi e in alcuni casi non certamente produttive esistono e dove la coerenza tra il settore produttivo e lo studio a volte non si vede. Che si venga qui e si parli del riciclo dei beni alimentari, della carta e dei rifiuti  e si parli del perché si studia e degli obiettivi che si vogliono raggiungere è estremante importante”.
Presenti, inoltre, Emanuela Maisano ed Alessandro Sansone, voci di R101, media partner del tour, che hanno raccontato la loro esperienza e il loro percorso fatto di ostacoli e soddisfazioni.
Come di consueto hanno accompagnato il progetto i partner dell’iniziativa con video e attività a tema. Dal mondo green il contributo del COMIECO, Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, che ha illustrato ai giovani partecipanti la cultura del riciclo di carta e cartone, e di DICHEPLASTICA6 progetto orientato a promuovere i ricicli virtuosi degli imballaggi di plastica e bioplastica realizzato da Conai, Corepla, Assobioplastiche e Cic.
Luca Abete, in veste di animatore del progetto #NonCiFermaNessuno, ha esortato i ragazzi ad uscire dalla propria area di confort. Emozionante e pieno di significato il momento in cui Luca ha parlato ai giovani presenti degli ostacoli che si possono trovare nel percorso di vita e quello finale in cui è stato immortalato con l’ormai immancabile selfie.
L’iniziativa promossa da Stabilo ha portato a raccogliere le mailer card dei ragazzi che hanno scelto di aderire alla community di #NonCiFermaNessuno e hanno lasciato un loro pensiero sul tour, tra cui: “Nella vita capiterà di cadere ed è soltanto così che avremo la forza di rialzarci senza mollare mai”
A rendere ancora più piacevole l’evento, le Miss di Miss Mondo Italia, gemellato a questa terza edizione del tour #NonCiFermaNessuno. La carovana dell’entusiasmo gode infine dell’accoglienza di Best Western.
Continua infine l’iniziativa di donazione di riso al Banco Alimentare grazie a Penny Market: la community  ha superato i 6 mila chilogrammi di riso donati. Prosegue anche l’attività di comunicazione non convenzionale; infatti, cavalcando l’onda dei social network, al termine dell’incontro è stato realizzato il “Mannequin challenge” insieme a tutti i presenti in aula immobili e fermi nelle posizioni più stravaganti fino a liberare un grande urlo finale.
Guarda il video