L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

Unipa e Fita, studenti del Dams e giovani di Itaf insieme per l'allestimento dello spettacolo The Walls

the walls palermo 2019Trentaquattro studenti del Dams e otto partecipanti al percorso di alta formazione Itaf della Federazione Italiana Teatro Amatori stanno lavorando insieme per uno speciale allestimento dello spettacolo “The Walls”. Il progetto rientra nell'ambito dell'intesa "finalizzata alla crescita e alla diffusione della cultura in ambito teatrale” che il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Ateneo palermitano e l’organizzazione nazionale, leader in Italia con 1500 compagnie e 25 mila iscritti, hanno siglato lo scorso settembre.
Lo spettacolo nato quest’anno in Itaf (International Theater Academy of Fita) è pensato come riflessione sul concetto di “muro” mentale, fisico, individuale e sociale. L'esibizione è fissata per sabato 30 novembre alle 18.30 al Teatro universitario Gregotti (viale delle Scienze, edificio 16), con ingresso gratuito su invito (per informazioni: 342 8633632).
L’allestimento è curato dai responsabili di Itaf, Daniele Franci e Maria Grazia De Marco e dal maestro preparatore Alex Sanchez, con il coordinamento scientifico di Anna Sica, docente di Storia del teatro contemporaneo e di Teorie e tecniche della recitazione al Dams di Palermo.
Lo spettacolo ha debuttato a maggio a Reggio Emilia, dove ha sede il Centro nazionale di alta
formazione Fita, e ha replicato tra l’altro a Utrecht, in ottobre, in collaborazione con l’olandese Creative College.
“Con questo progetto rivolto ai giovani – commenta il presidente Fita, Carmelo Pace, che sabato 30 novembre sarà al Gregotti con l’intero Direttivo nazionale – diamo sempre più contenuti e concretezza alla convenzione siglata con l’Università di Palermo, che si inserisce nel grande capitolo, per noi prioritario, dei rapporti con il mondo dell’istruzione a tutti i livelli: un impegno riconosciutoci dallo stesso Miur, con il quale, in particolare, abbiamo sottoscritto un protocollo in materia di alternanza scuola lavoro, unico del genere in Italia".