L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

testata Telecampus 50 1336

Quindici borse di studio in memoria di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

Borsellino falconeLa Fondazione Falcone bandisce un concorso per l’assegnazione di 15 borse di studio di 6.500,00 euro ciascuna, finanziate dall’Assemblea Regionale Siciliana ed intitolate a “Giovanni Falcone e Paolo Borsellino” per giovani che abbiano conseguito un titolo di Laurea magistrale o specialistica in Giurisprudenza, in Economia, in Scienze Politiche o comunque afferente alle classi delle scienze giuridiche, economiche, politiche e sociali con il massimo dei voti nelle Università siciliane.
L'obiettivo è la promozione di attività di studio e ricerca da compiersi nel campo della criminalità organizzata di stampo mafioso che possono anche includere la realizzazione di percorsi formativi finalizzati alle professioni concernenti l’azione di contrasto alla criminalità organizzata da svolgersi presso istituzioni pubbliche.
Le borse di studio avranno la durata di dodici mesi e non saranno rinnovabili. La loro fruizione è compatibile con la frequenza di corsi di dottorato di ricerca universitari senza assegni per i quali il progetto di studio, ricerca e documentazione ed il percorso formativo, siano strettamente funzionali al tema del corso di dottorato o alla redazione della tesi di dottorato. In tal caso, il titolare della borsa di studio dovrà indicare nella tesi di aver redatto il lavoro anche grazie alla borsa di studio intitolata a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino nell’anno di assegnazione.
Il candidato dovrà presentare un progetto di studio, ricerca e documentazione e, dove previsto, la descrizione del percorso formativo in affiancamento ad un’istituzione pubblica o Università per l’approfondimento della tematica oggetto del progetto di ricerca.
L’attività di studio ed il percorso formativo dovranno svolgersi necessariamente presso istituzioni pubbliche, italiane e straniere.
Potranno partecipare al concorso coloro che non abbiano superato il trentesimo anno di età.
I candidati saranno giudicati da una commissione nominata dal Presidente della Fondazione, che terrà conto del programma di studio e di ricerca, del percorso formativo, dei titoli e del risultato dell'eventuale
colloquio a cui potranno essere chiamati, con particolare riguardo all’originalità del progetto.
Le borse saranno conferite con provvedimento del Presidente della Fondazione.
Le domande di ammissione al concorso, redatte in carta libera, dattiloscritte e corredate dei titoli
valutabili, dovranno essere indirizzate al Presidente della Fondazione "Giovanni e Francesca Falcone" entro il 27 settembre all’indirizzo PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. In alternativa, potranno essere consegnate brevi manu presso la sede della Fondazione Falcone sita a Palermo nella via Serradifalco n. 250, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13.
[Antonella Mulé]

 

Presentato il progetto Pass accademico delle qualifiche dei rifugiati

Si tratta di uno strumento che, attraverso lo sviluppo di una procedura innovativa di riconoscimento, permette di valutare le qualifiche e di ricostruire il percorso di studio dei titolari di protezione internazionale, anche quando la documentazione è frammentaria o manca del tutto Un'altra iniziativa dell'Università di Palermo che evidenzia lo spirito di accoglienza e la vocazione... segue

Cinque tirocini presso la Banca d'Italia, domande entro il 26 luglio

La Banca d’Italia avvierà 5 tirocini extracurriculari presso la Segreteria tecnica dell’Arbitro Bancario Finanziario rivolti a studenti in possesso della Laurea in Giurisprudenza. L’esperienza avrà la durata di 6 mesi e sarà avviata da ottobre 2019 nella sede di Palermo, in via Cavour 131/a. "L’iniziativa - come si legge nell'avviso di selezione - è diretta a favorire l’integrazione... segue

“Vietato essere sbracati!” L’appello del professore per un abbigliamento decoroso, soprattutto agli esami. Cosa ne pensano gli studenti universitari

“Vietato essere sbracati!” L’appello del professore per un abbigliamento decoroso, soprattutto agli esami. Cosa ne pensano gli studenti universitari Avere un "abbigliamento consono e decoroso del contesto accademico" soprattutto in occasione degli esami: l'appello del professore Francesco Cappello, ordinario di Anatomia umana del dipartimento di Biomedicina sperimentale e Neuroscienze cliniche, non ha lasciato indifferenti gli studenti dell'Ateneo Palermitano, che... segue