L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

testata Telecampus 50 1336
Fabrizio Micari 20

Il rettore Micari ha spiegato al Corpo Accademico le ragioni della sua candidatura a Presidente della Regione


Micari ha annunciato di aver chiesto la collocazione in congedo straordinario a decorrere dal 7 settembre e per tutta la campagna elettorale. A reggere l'Ateneo fino alle elezioni regionali saranno quindi il prorettore vicario e quattro prorettori tematici.

Ha tradito una certa emozione il rettore Fabrizio Micari nel comunicare a sua decisione di candidarsi alle elezioni di Presidente della Regione Siciliana nel corso di un incontro si è svolto in una sala delle Capriate particolarmente affollata di docenti, componenti del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione, delegati e dirigenti.
“Grazie alla collaborazione del direttore generale e di tutti gli altri colleghi – ha detto il rettore – in questi primi due anni di mandato abbiamo realizzato molte iniziative riorganizzando la macchina amministrativa che adesso funziona abbastanza bene. Potevo quindi benissimo rinunciare alla candidatura e continuare a fare il rettore, il che sarebbe stato anche più facile, ma ho accettato la sfida a candidarmi a presidente della Regione, per portare avanti l’Università e soprattutto per garantire ai nostri giovani, la maggior parte dei quali adesso deve lasciare l’isola per trovare un posto di lavoro un futuro migliore. Se mi sono messo in gioco è perché voglio vincere e sono certo che con il vostro sostegno questo accadrà”.
Nella stessa circostanza Micari ha annunciato di aver chiesto la collocazione in congedo straordinario a decorrere dal 7 settembre e per tutta la campagna elettorale: “L’ho fatto non per ragioni d’obbligo, ma di opportunità – aggiunge – per separare la mia attività da quella dell’Ateneo. Ho preferito separare infatti, la mia attività da quella dell’Università per evitare che nessuna delibera del Consiglio di Amministrazione o del Senato Accademico da adottare potesse essere non considerata terza”.
A reggere l'Ateneo fino alle elezioni regionali saranno quindi il prorettore vicario e quattro prorettori tematici. “La norma - aggiunge Micari - oltre all'elezione del rettore prevede anche l'elezione di un prorettore, si vota in ticket. E' stato eletto il professore Fabio Mazzola, la macchina dell'ateneo è ben funzionante. C'è un lavoro di squadra che abbiamo portato avanti in questi anni, insomma non ci saranno problemi".

Città Universitaria di Palermo, la mensa Santi Romano cambia volto. Inaugurati i nuovi servizi di ristorazione Ersu

  Studenti universitari, aria nuova in sala mensa. La Regione finanzia il restyling del locali, diverse linee di ristorazione, spazi da utilizzare anche fuori l’orario dei pasti, un’App per la prenotazione e la programmazione dell’alimentazione, un progetto alimentare basato sulla dieta mediterranea, attraverso prodotti freschi e di stagione preparati secondo ricette tradizionali. segue

Piano Lauree Scientifiche, l'Ateneo palermitano è capofila per Statistica

Attraverso il PLS, il  Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca si propone di promuovere le Lauree scientifiche di base e di favorire l'acquisizione di competenze scientifiche più adatte alle sfide che gli studenti dovranno affrontare nella società contemporanea e nel mondo del lavoroÈ l'Ateneo palermitano il capofila del Piano Lauree Scientifiche (PLS) 2017-2018 di Statistica, coordinato dal professore... segue

Presentato il progetto Pass accademico delle qualifiche dei rifugiati

Si tratta di uno strumento che, attraverso lo sviluppo di una procedura innovativa di riconoscimento, permette di valutare le qualifiche e di ricostruire il percorso di studio dei titolari di protezione internazionale, anche quando la documentazione è frammentaria o manca del tutto Un'altra iniziativa dell'Università di Palermo che evidenzia lo spirito di accoglienza e la vocazione... segue