L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

testata Telecampus 50 1336

citta universitaria parco d orleans

Oltre 16mila ai test di accesso: preiscritti in crescita. Unipa conferma il trend positivo

Sono oltre 16 mila le pratiche per l'iscrizione ai test di ammissione per i corsi di studio triennali e magistrali a ciclo unico ad accesso programmato dell’Università degli Studi di Palermo per l’Anno Accademico 2017/2018.
Per i test di settembre, che da quest’anno saranno on line, l’Ateneo ha messo a bando un totale di 5224 posti ed a chiusura delle iscrizioni sono state ricevute oltre il doppio delle richieste, con circa 12mila istanze cui si sommano i 4mila test svolti nella sessione primaverile e nel mese di luglio.
Il dato non è direttamente raffrontabile con quello complessivo dello scorso anno, considerando che l’Ateneo, per venire incontro ai futuri studenti, ha deciso di eliminare il test per circa 10 corsi di laurea. Inoltre, per la prima volta, sono state eliminate le prove di valutazione della preparazione iniziale anche per tutti i corsi ad accesso libero. Questi test saranno somministrati agli studenti una volta immatricolati nei primi giorni di frequenza dei corsi e, diversamente dagli anni scorsi, senza il pagamento di alcuna quota.
“I dati - commenta il rettore Fabrizio Micari - confermano il trend in costante crescita iniziato lo scorso anno. Il rinnovamento dei servizi e dell’offerta formativa, che risponde sempre più alle esigenze del territorio, la qualità della didattica che rende i nostri studenti sempre più preparati, gli ottimi risultati conseguiti nelle più importanti classifiche nazionali, sono indubbiamente un motivo di forte attrazione. In particolare UniPa si pone come obiettivo quello di guidare i propri studenti nel percorso di crescita e di trasformare i loro progetti in concreta realtà”.
“I nuovi servizi digitali offerti dall’Ateneo, che consentono una gestione completamente online delle immatricolazioni e dei pagamenti, sono stati accolti in maniera estremamente positiva - sottolinea il prof. Giuseppe Lo Re, delegato ai sistemi informativi - Tutti i contributi per le iscrizioni sono stati effettuati con il sistema PagoPA, che consente di effettuare i pagamenti presso qualsiasi sportello aderente al circuito. Per le immatricolazioni, sarà possibile utilizzare sul portale di Ateneo le credenziali SPID, il sistema che permette di accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione con un’unica identità digitale. Per i futuri studenti, nella stragrande maggioranza nativi digitali e quindi avvezzi all’uso delle nuove tecnologie, e per le loro famiglie questi servizi online si traducono sia in un risparmio di tempo sia in risparmio economico”.

Città Universitaria di Palermo, la mensa Santi Romano cambia volto. Inaugurati i nuovi servizi di ristorazione Ersu

  Studenti universitari, aria nuova in sala mensa. La Regione finanzia il restyling del locali, diverse linee di ristorazione, spazi da utilizzare anche fuori l’orario dei pasti, un’App per la prenotazione e la programmazione dell’alimentazione, un progetto alimentare basato sulla dieta mediterranea, attraverso prodotti freschi e di stagione preparati secondo ricette tradizionali. segue

| scritto da: Dario Fidora | categoria: Telecampus 65

“Vietato essere sbracati!” L’appello del professore per un abbigliamento decoroso, soprattutto agli esami. Cosa ne pensano gli studenti universitari

“Vietato essere sbracati!” L’appello del professore per un abbigliamento decoroso, soprattutto agli esami. Cosa ne pensano gli studenti universitari Avere un "abbigliamento consono e decoroso del contesto accademico" soprattutto in occasione degli esami: l'appello del professore Francesco Cappello, ordinario di Anatomia umana del dipartimento di Biomedicina sperimentale e Neuroscienze cliniche, non ha lasciato indifferenti gli studenti dell'Ateneo Palermitano, che... segue

| scritto da: Dario Fidora | categoria: Telecampus 65

Università di Palermo, virus a Medicina. Il Preside prescrive Linux

Virus, trojan, malware: a Palermo, Medicina sceglie Linux. Nonostante le precauzioni, tra i luoghi fisici dove è più facile “prendere un virus” virtuale ci sono gli uffici, le aule e i laboratori informatici, veri e propri focolai d’infezione. segue

| scritto da: Dario Fidora | categoria: Telecampus 65