L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

testata Telecampus 50 1336

GnuHealth, a Unipa il GnuLinux Meeting sul libero accesso e fruibilità dei dati clinici dei pazienti

GnuLinuxMeeting 2017 Scuola Politecnica Unipa“Il dato clinico appartiene al paziente, deve essere libero e fruibile”. Questo in sintesi il tema del progetto GnuHealth Federation su sanità e informatica e Big Data in Medicina, di cui si è discusso durante il GnuLinux Meeting organizzato dall’associazione Sputnix presso la Città Universitaria di Palermo.

Richard Stallman ha accettato l’invito di tornare in Sicilia per promuovere in prima mondiale un tema a lui molto caro: Free Software, Your Freedom and Medicine.
I lavori del GnuLinuxMeeting, coordinati dall’Ing. Vincenzo Virgilio, presidente dell’associazione Sputnix, e con in testa lo spagnolo Luis Falcòn, hanno affrontato il tema della sanità, ponendosi il fondamentale obiettivo della Privacy by design, come presentato da Adriano Bertolino. La rivoluzione copernicana di considerare che il dato medico e clinico definisce non solo lo stato di salute dell’individuo, ma fa parte della sfera dei dati personali supersensibili, è stata sviluppata dallo stesso Stallman e da Virgilio negli interventi successivi.

Trattare correttamente il dato, gestirne l’accesso secondo i dettami del Garante della privacy, è fondamentale. Ma è ovviamente necessario che il dato esista, visto che solo il 6% delle cartelle cliniche in italia è digitalizzato con software proprietario.
Richiedere la cartella clinica di un ricovero di un mese, richiede circa 300 pagine fotocopiate, 1 mese di tempo ed una raccomandata (dato verificato per ospedali in tutta la penisola, da Roma a Palermo e Trapani. E comporta anche dei costi amministrativi.
Il dato clinico appartiene al paziente, non è dell’ospedale o del medico. Anche se elaborato e refertato da questi ultimi, il dato esprime uno stato del paziente. Il dato nasce libero, deve essere correttamente fruibile in TUTTI gli ospedali italiani. Fantascienza? No, paesi come Laos, Cambogia, Messico, parte del Brasile lo hanno già fatto. Il governo Libico, in mezzo alla devastazione del paese ha avviato il progetto per i 16 policlinici sopravvissuti. Quando la pace renderà possibile muoversi liberamente in Libia, altrettanto liberamente i dati saranno disponibili in tempo reale in tutti i policlinici. Per ricoveri consecutivi o distanziati nel tempo.

In sintesi, questo è GnuHealth Federation, la realtà pensata da Luis Falcòn e voluta da Stallman. Da 4 anni Sputnix sostiene la localizzazione in italiano del progetto, il cui sito è GnuHealth.it

Rapporto Almalaurea 2018 sul profilo e sulla condizione occupazionale dei laureati dell’Università di Palermo

Il Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea ha presentato questa mattina il XX Rapporto sul Profilo e sulla Condizione occupazionale al Convegno “Mutamenti strutturali, laureati e posti di lavoro”.“L’analisi dei dati del Rapporto AlmaLaurea – commenta il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, prof. Fabrizio Micari – conferma la solida base della formazione e della didattica erogata dal nostro Ateneo. L’86%... segue

| scritto da: Dario Fidora | categoria: Telecampus 65

Città Universitaria di Palermo, la mensa Santi Romano cambia volto. Inaugurati i nuovi servizi di ristorazione Ersu

  Studenti universitari, aria nuova in sala mensa. La Regione finanzia il restyling del locali, diverse linee di ristorazione, spazi da utilizzare anche fuori l’orario dei pasti, un’App per la prenotazione e la programmazione dell’alimentazione, un progetto alimentare basato sulla dieta mediterranea, attraverso prodotti freschi e di stagione preparati secondo ricette tradizionali. segue

| scritto da: Dario Fidora | categoria: Telecampus 65

Università di Palermo, virus a Medicina. Il Preside prescrive Linux

Virus, trojan, malware: a Palermo, Medicina sceglie Linux. Nonostante le precauzioni, tra i luoghi fisici dove è più facile “prendere un virus” virtuale ci sono gli uffici, le aule e i laboratori informatici, veri e propri focolai d’infezione. segue

| scritto da: Dario Fidora | categoria: Telecampus 65