L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

testata Telecampus 50 1336

Coca-Cola, il messaggio in una bottiglia

Compleanno coca cola

La Coca-Cola ha compiuto 151 anni l'8 maggio. Ma la notizia in realtà non è questa, è semmai il fatto che sia ancora così giovane, indiscutibilmente la bevanda dei ragazzi, da almeno tre generazioni. D’altronde, quando è nata, la nostra bibita preferita non era quello che è oggi – la fidanzata della pizza, l’invitata di qualunque festa di compleanno, la risposta pronta alla domanda “che ti bevi?” – era un farmaco, una medicina. Evidentemente un elisir di lunga vita: la sua. Chi l’ha inventata, Mr. Pemberton, di professione farmacista, l’aveva concepita come uno stimolante per i nervi in grado di curare “mal di testa, nevralgia, isteria, malinconia ecc.”, o almeno così sosteneva nella prima inserzione che pubblicò per farla conoscere. Da allora la sua composizione è cambiata poco, solo qualche aggiustamento per eliminare le sostanze psicotrope della pianta di coca, divenuta nel frattempo illegale, ma più o meno ci siamo. È come se vi dicessi che alle festicciole dei vostri nipoti, tra qualche anno, si pasteggerà con la Biochetasi.

Coca-Cola, il messaggio in una bottigliaLa domanda allora non può che essere: come è stato possibile? Come fa un farmaco a diventare il complemento ideale di un pasto? A far dimenticare di essere una medicina? La risposta è semplice: pubblicità. La comunicazione è stata così importante nel fare della Coca quello che è diventata che verrebbe la tentazione di dire che la vera festa è la sua. Tuttavia, la comunicazione ha inventato la Coca-Cola almeno quanto la Coca-Cola ha inventato la comunicazione. [segue

Dario Mangano
Professore associato, Dipartimento Culture e Società - Unipa

Rapporto Almalaurea 2018 sul profilo e sulla condizione occupazionale dei laureati dell’Università di Palermo

Il Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea ha presentato questa mattina il XX Rapporto sul Profilo e sulla Condizione occupazionale al Convegno “Mutamenti strutturali, laureati e posti di lavoro”.“L’analisi dei dati del Rapporto AlmaLaurea – commenta il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, prof. Fabrizio Micari – conferma la solida base della formazione e della didattica erogata dal nostro Ateneo. L’86%... segue

| scritto da: Dario Fidora | categoria: Telecampus 65

“Angeli per un giorno”, custodi di bambini in difficoltà

Volontariato / “Angeli per un giorno”, custodi di bambini in difficoltà FAI COME CREDI - programma webRadio condotto da Antonella Mulé con Padre Riccardo Garzari Ai microfoni di Ldf, Annalisa Vassallo e Michele Aiello, due giovani universitari coinvolti a Palermo in un progetto a respiro nazionale dedicato a bambini che vivono in condizioni di marginalità. “Il nostro desiderio – spiega... segue

| scritto da: Antonella Mulé | categoria: Telecampus 65

Università di Palermo, virus a Medicina. Il Preside prescrive Linux

Virus, trojan, malware: a Palermo, Medicina sceglie Linux. Nonostante le precauzioni, tra i luoghi fisici dove è più facile “prendere un virus” virtuale ci sono gli uffici, le aule e i laboratori informatici, veri e propri focolai d’infezione. segue

| scritto da: Dario Fidora | categoria: Telecampus 65