L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Martedi, 25 luglio 2017 ore 08:40
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

Il progetto “The New Era of Smuggling in the Mediterranean Sea” del Dipartimento di Giurisprudenza selezionato da pmi impact

giurisprudenza palermoThe New Era of Smuggling in the Mediterranean Sea (NESMeS) è il titolo del progetto di ricerca presentato dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Palermo nell’ambito di un Bando internazionale lanciato da Philip Morris International. La selezione fra gli oltre 200 progetti di 170 organizzazioni diverse e di 42 paesi è stata affidata ad un Expert council di primario livello nel settore della Giustizia penale internazionale, fra i quali il primo Procuratore capo della Corte Penale Internazionale e il Presidente del Comitato di redazione del relativo Statuto.
Il progetto intende analizzare, in un arco di tempo di due anni, le dinamiche del contrabbando di merci nell’area mediterranea ed i suoi possibili intrecci con i fenomeni delle migrazioni irregolari e della tratta di persone. La ricerca, che avrà un taglio criminologico oltre che giuridico, ha l’obiettivo di sviluppare un network di conoscenza tra i paesi maggiormente coinvolti dai suddetti processi illeciti, per poter meglio cogliere la dimensione internazionale del fenomeno e delineare una serie di linee politico-criminali per un contrasto maggiormente efficace sia sul piano preventivo che su quello sanzionatorio.
Il gruppo di ricerca, con la direzione scientifica del prof. Vincenzo Militello ed il coordinamento del prof. Alessandro Spena, è composto anche dalle Dott.sse Licia Siracusa e Annalisa Mangiaracina, e sarà integrato da tre borsisti completamente finanziati dal Progetto, oltre che da partner scientifici in altri paesi europei (Spagna, Portogallo, Grecia e Germania).