L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Domenica, 21 luglio 2019 ore 00:37
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

Graduation day, il 30 marzo l’Ateneo festeggia i neolaureati

UniPa Graduation Day, marzo 2019

Alle 10.15 il corteo accademico partirà dalla Scuola delle Scienze giuridiche ed economico-sociali e percorrerà via Maqueda, proseguendo lungo via Ruggero Settimo, per raggiungere, infine, piazza Ruggero Settimo. La cerimonia terminerà con il tradizionale “Lancio del Tocco”

Festa in grande per i laureati magistrali della sessione straordinaria dell’anno accademico 2017-2018. Il 30 marzo si svolgerà in piazza Ruggero Settimo - Teatro Politeama Garibaldi, il Graduation day.
Alle 10.15 il corteo accademico partirà dalla Scuola delle Scienze giuridiche ed economico-sociali e percorrerà via Maqueda, proseguendo lungo via Ruggero Settimo, per raggiungere, infine, piazza Ruggero Settimo.
La cerimonia culminerà con il tradizionale “Lancio del Tocco”.
Ogni Laureato avrà in omaggio la toga, il tocco del colore corrispondente alla Scuola di appartenenza e l’attestato di partecipazione.
Il corteo “colorato” dei neolaureati, che percorrerà il centro cittadino, sarà aperto dal rettore Fabrizio Micari, dal prorettore vicario Fabio Mazzola, dal direttore generale Antonio Romeo, dai prorettori Laura Auteri, Ada Maria Florena, Francesco Paolo La Mantia e Livan Fratini, dai componenti del Consiglio di amministrazione e Senato accademico, dai presidenti delle cinque Scuole di Ateneo.
I laureati e i partecipanti potranno pubblicare selfie e foto della cerimonia sui social network utilizzando gli hashtag #GrDayUniPa2019 e #LaureatiUniPa. Le foto migliori verranno raccolte per creare un album fotografico sui social network ufficiali di Ateneo.
L'evento è organizzato in collaborazione con la Città di Palermo, l’Orchestra Sinfonica Siciliana, la Massimo Kids Orchestra del Teatro Massimo di Palermo e l’Esercito Italiano.