L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Martedi, 14 agosto 2018 ore 19:13
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

Convenzione stage e formazione tra la Direzione Regionale delle Dogane per la Sicilia e UniPa

Da sx Micari e OlivieroProgettare momenti formativi e informativi che introducano nei percorsi universitari la possibilità di confronto con le tematiche, inerenti al settore accise e al settore doganale, che fanno parte della missione istituzionale dell’Agenzia, prevedendo anche la possibilità per gli studenti universitari di accedere a tirocini presso le strutture doganali e ai dipendenti, in organico all’Agenzia, l’opportunità di avere riconosciuti crediti formativi (CFU) mediante l’iscrizione ai corsi universitari e post-universitari.
Sono i contenuti della convenzione rinnovata fra la Direzione Regionale delle Dogane e dei Monopoli per la Sicilia e l’Università degli Studi di Palermo.
Il documento è stato sottoscritto dal Rettore, prof. Fabrizio Micari, e dal Direttore regionale delle dogane per la Sicilia, Claudio Oliviero, alla presenza di Antonino Pollara, responsabile del Settore affari generali e convenzionali di UniPa e di Gaspare Rappa dirigente dell’Area personale, formazione e organizzazione della Direzione regionale delle dogane.
“Diffondere la cultura della legalità, anche nel campo fiscale - dichiara il Rettore, prof. Fabrizio Micari - è uno dei compiti fondamentali per un’istituzione come l’Università di Palermo che, in un contesto territoriale purtroppo ad alta diffusione di fenomeni di illegalità, ha un ruolo non solo culturale, ma anche e soprattutto sociale. Per questo ritengo doveroso intensificare e sostenere iniziative formative di questa notevole importanza”.
Per il direttore regionale delle dogane per la Sicilia, Oliviero “E’ importante intensificare la collaborazione istituzionale con l’Università per promuovere la conoscenza degli istituti doganali così da contribuire a sviluppare negli studenti universitari competenze che aiutino le imprese del territorio nei processi di internazionalizzazione e una coscienza critica di consumatori per contrastare il fenomeno della contraffazione”.
I partecipanti hanno convenuto che l’iniziativa contribuirà a rinsaldare i legami tra il mondo della formazione universitaria e quello del lavoro nel particolare ambito fiscale curato dall’Agenzia a tutela del corretto svolgimento dei traffici commerciali.