L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Venerdi, 22 settembre 2017 ore 02:58
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

Una app per scoprire le bellezze del sistema museale dell’Ateneo

musei unipaIl Sistema Museale di Ateneo è su izi.travel, progetto di valorizzazione, nato dalla collaborazione tra il SIMUA e il Master in “Economia e Management dei Beni Culturali” diretto dal prof. Marcantonio Ruisi. Il progetto sulla piattaforma izi.Travel è stato elaborato da 14 studenti del Master in Economia e Management dei Beni Culturali, sotto la supervisione della docente Elisa Bonacini, per il sistema Museale dell’ateneo palermitano. È la prima volta che studenti di un Master progettano e sperimentano delle audio-guide gratuite utilizzabili tramite applicazione per smartphone. L’app è assolutamente gratuita.
Non solo il ricco patrimonio dell'Università, ma la sperimentazione ha toccato anche gli altri musei della città: Palazzo Mirto, il museo delle Marionette, il museo Antonino Salinas con il percorso Selinunte for Kids e il museo Archeologico Regionale di Caltanissetta.
“Il Master ha giocato un ruolo straordinario – afferma Marcantonio Ruisi, Coordinatore Master Universitario EMABEC – nella concretizzazione della cosiddetta terza missione, ruolo attivo e diretto dell’Università nella promozione socio-economica del territorio. Abbiamo lavorato per rivalutare il patrimonio culturale materiale e immateriale, di cui il sistema Sicilia ha indubbio bisogno”.
Scaricando l’app gratuita izi.travel sarà, infatti, possibile selezionare la struttura da visitare e le singole collezioni, avviando un percorso narrato da ascoltare comodamente con il proprio smartphone e il tutto senza costo alcuno per il visitatore.
Il tour comprende le audio-guide scaricabili gratuitamente su smartphone per il Complesso monumentale dello Steri, il Museo geologico G.G. Gemmellaro, il Museo di zoologia P. Doderlein, il Museo della Specola, il Museo storico dei motori e dei Meccanismi, l’Orto Botanico, il Museo della Radiologia.
I primi 14 studenti che hanno concluso il primo master sperimentale sono: Veroncia Angarella, V. Bucaria, I. Calabria, E. Chinnici, F. D’Agostino, S. Di Prima, A. Giambalvo, A. Marchese Ragona, G. Marchese Ragona, M. Presentato, G. Sciavarrello, G. Spicuzza, M. Vella, D. C. Vullo. In programma anche la seconda edizione del Master.