L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Venerdi, 22 settembre 2017 ore 03:01
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

Allo Steri il rettore Micari riceve il nuovo presidente del Palermo Baccaglini

BaccaglinieMicari“Sono davvero curioso ed entusiasta di proporre le nostre idee, misurarci con le aspettative e trovare fin da subito una sinergia tra il Palermo e l'Università di Palermo”. Ad affermarlo il neo presidente del Palermo calcio Paul Baccaglini che si è presentato allo Steri, sede del rettorato dell'Università di Palermo, dove ha incontrato il rettore Fabrizio Micari e scambiato con quest'ultimo le maglie, in pieno clima sportivo: quella del Palermo e quella col logo di Unipa.
“Sono tifoso del Palermo - spiega Micari - da quando avevo tre anni. A me fa piacere avere oggi qui Baccaglini, perché reputo opportuno che le eccellenze della città lavorino insieme per provare a fare qualcosa di importante per questa terra. Sono convinto che il Palermo calcio possa crescere sempre di più. Mi auguro che possiamo tornare ad avere soddisfazioni simili a quelle vissute dieci anni fa, quando condividevamo la prima posizione insieme all'Inter. Magari il presidente ci trova il nuovo Amauri”.
Giovane in mezzo ai giovani, Paul Baccaglini conosce le difficoltà e gli ostacoli che gli under 30 possono trovarsi di fronte nel mondo delle imprese e non vuole voltare le spalle a tanti ragazzi più giovani di lui, con idee e progetti da sviluppare per il bene della comunità.
Baccaglini intende aprire le porte agli studenti universitari per proporre nuovi piani di sviluppo sia sul fronte dello sport che, sia in quello della gestione, oltre che per la comunicazione.
“I giovani sono creativi, a me piacerebbe fornire delle verticali comunicative, integrare il Palermo nel mondo delle app, per renderlo più accessibile a giovani e tifosi. L'idea è di creare un incubatore per start-up, magari il Palermo può mettere a disposizione delle infrastrutture. Si cercano giovani che abbiano idee e voglia di creare, poi noi cercheremo di promuoverle e farle conoscere”.