L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Lunedi, 23 aprile 2018 ore 15:19
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

Grande festa per i laureati magistrali della sessione autunnale

I 565 nuovi dottori magistrali con i tocchi delle cinque Scuole di colore arancione, azzurro, rosso, viola e verde, hanno sfilato sabato scorso per il Cassaro e raggiunto il sagrato della Cattedrale dove si è svolta l’edizione autunnale del “Graduation Day 2016”.
E a ventiquattro ore dall'arrivo in città del presidente della Repubblica Sergio Mattarella per l'ufficializzazione del percorso Unesco, l'Università di Palermo ha scelto di fare sfilare i suoi laureati proprio tra i monumenti simbolo dell'itinerario arabo normanno.
Ad accogliere i giovani laureati, il sindaco Leoluca Orlando, l'Arcivescovo mons. Corrado Lorefice, il reverendo Imam Mustafà Abderrahmane della Moschea Islamica di Palermo e, in rappresentanza del Rabbino, la presidente dell’Istituto siciliano di studi ebraici, Evelyne Aoute.
Ad aprire il corteo con la toga il rettore Fabrizio Micari con il suo pro rettore vicario Fabio Mazzola, gli altri prorettori, i componenti del Senato Accademico e del Consiglio di amministrazione dell’Università di Palermo.
“Celebrare il Graduation Day nel contesto cittadino e nel tradizionale percorso del Cassaro – dice il Rettore Micari - intriso di testimonianze arabo-normanne e sede dei cerimoniali della Palermo spagnola, risponde ad un preciso progetto culturale. L’obiettivo è quello di sviluppare il senso di appartenenza all’Ateneo e alla Città, ripercorrendo la storia della nostra terra che ha da sempre caratteristiche culturali, storiche, di inclusione e di civiltà che la rendono unica al mondo”.
Alla manifestazione hanno partecipato i 164 laureati della scuola delle Scienze Umane e del Patrimonio Culturale, i 143 neo dottori della Scuola delle Scienze Giuridiche ed Economico-Sociali, i 68 della Scuola di Medicina, i 141 laureati della Scuola Politecnica e i 49 della Scuola delle Scienze di Base ed Applicate che hanno lanciato in aria i tocchi tra i numerosi scatti che sono stati subito postati sui social.