L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Venerdi, 23 febbraio 2018 ore 19:21
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

Laureati Unipa vincono il Premio “2016 Chicago Prize Competition: On the Edge”

Tullio Polisi 2017 03 09Il prestigioso premio “2016 Chicago Prize Competition: On the Edge” vinto da giovani laureati del Corso di studi in Ingegneria edile - Architettura di Palermo. A conquistare il premio Tullio Polisi e Michael Graceffa, giovani laureati del Corso di studi in Ingegneria edile - Architettura dell'Università di Palermo.
“In accordo con il nostro relatore di tesi, il prof. Antonino Margagliotta, e con la prof.sa Rossella Corrao – afferma Michael Graceffa - abbiamo svolto una parte del nostro progetto di tesi presso l’Illinois Institute Technology di Chicago, grazie alla collaborazione del prof. Michelangelo Sabatino, direttore dei PHD. Abbiamo trascorso due mesi nei luoghi del nostro progetto, effettuando una vera e propria ricerca dell’incompiuto del Wacker Drive (un’infrastruttura a 3 livelli all’interno del Chicago Loop). La fase di progettazione, invece, è stata realizzata a Palermo. L’idea del nostro progetto consiste nella creazione di un infrastruttura in grado di abbattere la barriera architettonica del Lake Shore Drive, creando così un punto di unione urbano, tra il River Front e il Lake front, attraverso un collegamento ciclo-pedonale, composto da due nastri “in movimento” (uno il percorso pedonale, ed uno il percorso ciclabile), che finiscono per intrecciarsi tra loro nel Ribbon. Viene a crearsi una promenade sul lago e sul fiume, lungo la quale si alternano punti panoramici, e di ristorazione/aggregazione. Si nota anche una costante presenza del verde, creando così un vero parco urbano nel centro di Chicago, il Loop”.
Il premio è stato consegnato ai due giovani laureati alla "Chicago Architecture Foundation".
“Il nostro desiderio più grande è far vedere a tutti che inseguendo un piccolo sogno, con forza di volontà e spirito di sacrificio – aggiungono i due laureati - si riesce ad arrivare molto più in alto di quanto si pensi. Gli studenti d'oggi hanno bisogno di questo, di motivazione, passione, di non mollare mai. Studiare è cultura, studiare è migliorarsi, studiare è confrontarsi. Niente è impossibile, basta credere in se stessi e sognare sempre di più, rincorrere il proprio sogno. Perché, prima o poi, le soddisfazioni arrivano".