L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Lunedi, 19 febbraio 2018 ore 10:32
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

Pon metro: Conclusa la fase formativa, al via i tavoli tematici

Pon MetroSi è svolta presso la Presidenza della Scuola Politecnica dell'Università degli Studi di Palermo, l’ultima giornata di approfondimento prevista dal ricco programma di eventi di comunicazione e formazione promossi dal Comune di Palermo per l’avvio della fase attuativa del PON Metro. L’evento, organizzato con il supporto dell'Università di Palermo e della Fondazione Formap, ha inaugurato l’insediamento dei tavoli tematici legati al Programma “PON Metro Città di Palermo 2014/2020”.
Con la costituzione dei gruppi di lavoro dei tavoli tematici si chiude una impegnativa rassegna di cinque giornate che ha visto il suo momento più elevato nella sottoscrizione, il 21 gennaio scorso, del “Patto per il PON Metro Città di Palermo” da parte della quasi totalità dei Sindaci della Città Metropolitana.
Le tematiche all’ordine del giorno hanno riguardato i modelli di erogazione di servizi al cittadino previsti dal PON Metro con particolare riguardo alle tematiche dell'agenda digitale e della inclusione sociale.
Il “PON Metro Città di Palermo” prevede infatti cospicui investimenti per la realizzazione di 7 piattaforme telematiche “orientate ai servizi al cittadino” basate sul modello del cloud computing (assistenza e sostegno sociale, edilizia e catasto, ambiente e territorio, lavori pubblici, lavoro e formazione, cultura e tempo libero, tributi locali). Parimenti cospicue (~23M€) le risorse destinate alla inclusione sociale il cui driver principale, nel PON Metro, è rappresentato dal tema dell’emergenza abitativa.
Presenti in aula più di 120 referenti di circa 40 Comuni della Città Metropolitana che si sono divisi su tre tavoli tematici: (1) territorio e lavori pubblici, (2) cultura e tributi locali e (3) inclusione sociale, lavoro e formazione.
I tavoli tematici così costituiti resteranno attivi per tutta la durata del Programma.