L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Martedi, 14 agosto 2018 ore 23:09
Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

Studenti del Dipartimento Stebicef premiati dalla “Fondazione Crimi”

Studenti premio fondazione CrimiStudenti di Farmacia e CTF degli Atenei di Palermo e di Messina che hanno superato la prima fase del "Progetto Sette e Mezzo" sono stati premiati della Fondazione Crimi.
Gli studenti iscritti all'Ateneo di Palermo a cui è andato il riconoscimento sono: Giuseppe Barberi (CTF), Antonio Orifici (CTF), Flavia Villareale (CTF), Pamela Garofalo  (CTF), Chiara Randazzo (Farmacia). La cerimonia si è svolta nei giorni scorsi presso l'incubatore dei Nebrodi di Galati Mamertino, alla presenza del presidente di Federparchi Giuseppe Antoci.
Il "Progetto Sette e Mezzo", patrocinato dall'Università di Messina e dal dipartimento STEBICEF dell'Università di Palermo, dall’Ordine dei Farmacisti e da Federfarma è nato per interfacciare le Scuole Superiori con i corsi di Laurea in Farmacia e CTF.
Le “eccellenze” delle scuole superiori vengono intercettate mettendo in relazione il voto del diploma con il punteggio dei test dei bandi d’accesso ai corsi di Laurea in Farmacia e CTF ed accompagnate per tutto il loro percorso universitario non solo economicamente (pagamento delle tasse universitarie per 5 anni) ma anche didatticamente e logisticamente, dando loro una corsia preferenziale nell’inserimento nel mondo del lavoro. Il "Progetto Sette e Mezzo", rientra quindi, in un disegno più ampio, elaborato da diversi e prestigiosi Atenei, di brain gain (riacquisizione di cervelli) nell’ottica di prevenire la “fuga dei cervelli”. Agli studenti che hanno superato la prima fase del progetto di borsa di studio, è stata assegnata, dal Comitato Scientifico della Fondazione, coordinato dal prof. Silvestre Buscemi, una ricerca da presentare entro il 5 giugno 2017 inerente la Coryllus avellana L (Nocciolo): aspetti botanici, chimici, farmacologici e possibili impieghi tecnico-scientifici dei sottoprodotti con particolare attenzione alle coltivazioni presenti sui monti Nebrodi e sulle Madonie.