L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

“Buono da pensare” master di primo livello in cultura e comunicazione del gusto

Food design, packaging innovativo, comunicazione specializzata - dalle pubbliche relazioni all’enoturismo - guide food&wine in Italia e tecnici di food security all’estero. Sono le nuove professioni del cibo all’indomani di Expo 2015, il più grande evento mai realizzato sull’alimentazione, la nutrizione, il cibo di qualità che ha di recente chiuso i tornelli a Milano con un bilancio di oltre 20 milioni di visitatori e che ha aperto un variegato ventaglio di opportunità di lavoro che richiedono una spazializzazione sulla cultura e comunicazione del gusto.

All’Università di Palermo aperto il bando per la terza edizione del Master di primo livello in Cultura e Comunicazione e del Gusto dell’Università di Palermo. Dopo il successo di placement delle due precedenti edizioni, al via la terza tranche di reclutamento per formare esperti nella comunicazione e promozione della cultura del gusto e della gastronomia. 

In fatto di bilanci post-Expo2015 la Sicilia ha portato a casa al termine dei sei mesi un buon risultato in termini numerici: il Cluster Bio-mediterraneo diretto dalla Regione siciliana ha registrato 2,5 milioni di visitatori. Le presenze sono cresciute nel tempo grazie alla comunicazione e ad un passa parola sulla varietà, la ricchezza e la curiosità. L’Isola con oltre 350 aziende partecipanti e circa 100 comuni, è risultata la Regione d’Italia che ha avuto il più grande impatto tra i milioni di visitatori di Expo e si dice pronta ad affrontare le prossime sfide lanciate da Dubai 2020.

Il master “Buono da Pensare”  - unico corso di alta formazione universitaria nel Sud in tema di cultura e comunicazione del gusto - potrà accogliere da 25 a 30 allievi, e avrà la durata di un semestre d’anno accademico a partire da marzo 2015; è rivolto agli studenti che abbiano conseguito una laurea triennale, o di vecchio ordinamento, preferibilmente (ma non esclusivamente) appartenente alle classi di comunicazione, lettere e filosofia, beni culturali, lingue scienze e tecnologie agrarie, scienze politiche, economia, architettura e design. Possono accedervi, tramite selezione, anche i laureandi purché ottengano il titolo di studio prima della data di immatricolazione al Master. Nelle precedenti edizioni il Master ha già formato circa 50 esperti in Cultura e Comunicazione del Gusto, gran parte dei quali ha trovato collocazione presso società, enti e strutture, siciliane e non, che si occupano di enogastronomia. 
Il corso è strutturato in 450 ore tra lezioni frontali, guidate da docenti di spicco nel panorama nazionale, laboratori, project work, e 200 ore di stage nei settori della produzione e della comunicazione dell’enogastronomia presso selezionate aziende partner quali Barbera, Morettino, Tasca d’Almerita, Fazio wines, Sabadì, Roccacoop Terranova, SiciliaSì, BioEsserì e ancora Ersu, Cook Sicily, Slow Food, Cronache di Gusto e Feedback. 

Previste inoltre testimonianze aziendali, cooking experiences, visite guidate e lezioni aperte di personalità di peso nel mondo dell’enogastronomia, quali Carlo Petrini, Paolo Marchi, Enzo Vizzari, Corrado Barberis, Sandro Sangiorgi, Marco Sabellico, Giacomo Mojoli, Patrizio Roversi, con la partecipazione di chef di fama nazionale e internazionale.

Si accede al master attraverso una prova che consisterà in valutazione del curriculum e colloquio attitudinale. La quota di iscrizione è di 2mila euro (che è possibile pagare in due rate). Il master fornirà allo studente i crediti formativi da poter utilizzare per iscriversi direttamente al secondo anno di alcune lauree magistrali dell'Ateneo. 

La scadenza per la presentazione della domanda di partecipazione è il 23 dicembre 2015.