L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

Master in “Economia e management dei beni culturali e del patrimonio Unesco” Domande entro il 23 aprile

studentesse Facce UnipaFormerà figure professionali con conoscenze e competenze specialistiche nella governance, gestione, comunicazione e marketing dei beni culturali, al fine della loro valorizzazione

È stato attivato presso il dipartimento di Scienze economiche, aziendali e statistiche
dell’Università degli studi di Palermo,  il master di secondo livello in “Economia e management dei beni culturali e del patrimonio Unesco", con la collaborazione della Fondazione Patrimonio Unesco
Sicilia e il Collegio universitario Arces.
Al corso, della durata di un anno,  possono partecipare coloro che sono in possesso di  titoli di studio di tutte le classi di laurea magistrale ai sensi del D.M. 270/2004, ovvero lauree specialistiche
ai sensi del D.M. 509/1999, laurea conseguita secondo gli ordinamenti in vigore anteriormente all'applicazione del D.M. 509/1999, titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto idoneo dal Consiglio scientifico ai soli fini di iscrizione al corso.
Inoltre, possono presentare la domanda gli studenti privi del titolo di laurea richiesto, ma che ne conseguano il possesso prima della data prevista per l’immatricolazione al master.
Sono 30 i posti disponibili. La domanda di partecipazione potrà essere presentata entro il 23 aprile.
Le figure professionali che si formeranno avranno conoscenze e competenze specialistiche nella governance, gestione, comunicazione e marketing dei beni culturali al fine della loro valorizzazione. Tali figure potranno trovare occupazione sia come manager capaci di operare all’interno dell’industria culturale,  lavorando presso istituzioni quali musei, parchi archeologici o letterari, collezioni, biblioteche, monumenti, sia come imprenditori in grado di avviare attività economiche capaci di offrire servizi orientati alla valorizzazione dei beni culturali, sia come manager o consulenti in ambito gestionale, comunicativo, commerciale, contabile e del controllo di gestione.
"Il corso - come e' riportato sul bando -  intende offrire una formazione di tipo multidisciplinare che si fonda su conoscenze approfondite riguardanti l’ambito economico, aziendale, giuridico e di comunicazione, nonché competenze di natura tecnica e specialistica riguardanti i particolari beni oggetto di studio. Chi acquisirà il titolo avrà prevalentemente due principali ambiti di sbocco: il sistema delle professioni legate al management aziendale con competenze in grado di supportare la gestione di istituzioni culturali e/o di imprese vocate al turismo culturale, sia in ruoli interni all'organizzazione sia in ruoli di consulenza; iniziative di auto-imprenditorialità, orientate alla progettazione e allo sviluppo di realtà imprenditoriali in grado di contribuire alla piena valorizzazione dei beni culturali".
Il master si articola in moduli che includono lezioni frontali, seminari, incontri di studio, laboratori ed esercitazioni, convegni, visite aziendali, testimonianze di esperti, orientamento, studio individuale, stage e prova finale, per un totale di 60 Cfu, 1500 ore di attività.
Le prove di selezione si svolgeranno presso il dipartimento di Scienze economiche, aziendali
e statistiche (Edificio 13) il 29 aprile.