L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

Presentato allo Steri lo Status di “Studente-Atleta”

atletica studenti cus palermoÈ stato presentato allo Steri lo status di “Studente-Atleta”che l’Ateneo rilascerà agli studenti sportivi professionisti. L'evento è avvenuto in presenza di un gruppo di atleti che si sono distinti in competizioni nazionali ed internazionali, tra cui la campionessa del mondo di canottaggio Giorgia Lo Bue e la campionessa del mondo di kick boxing Elena Pantaleo.
Lo status, riservato agli studenti atleti riconosciuti con attestazione del CONI, attiverà una serie di forme incentivanti allo studio e altre agevolazioni già previste da UniPa con l’iscrizione in modalità part-time. Agli studenti atleti sarà inoltre agevolata, quando possibile, la frequenza alle attività didattiche e ai tirocini obbligatori.
La formalizzazione dello status di “Studente-Atleta” è stata deliberata dal Senato Accademico dell’Ateneo palermitano in seguito alla proposta pervenuta dall’Assessore alla Scuola, alle politiche giovanili, lavoro e salute del Comune di Palermo, Giovanna Marano e dal Consigliere Comunale e Presidente della commissione consiliare Istruzione, politiche giovanili e sport, Francesco Bertolino.
In accordo con la mozione del Comune di Palermo, lo status verrà rilasciato agli studenti iscritti all’Università di Palermo che pratichino attivamente una disciplina olimpica o paraolimpica e che siano stati convocati con rappresentative nazionali di tale disciplina ad almeno una competizione internazionale.
“Abbiamo accolto volentieri questa proposta del Comune – commenta il Rettore, Fabrizio Micari - All’estero le Università sostengono da sempre e ampiamente gli studenti-atleti nel loro percorso accademico. E’ importante che questi ragazzi, che rappresentano il nostro Paese nelle più importanti competizioni, possano essere incentivati nei loro studi, sia per permettere loro di rispettare i tempi prescritti per il conseguimento della laurea, sia per evitare la sconfitta dei fuori corso o peggio ancora degli abbandoni”.