L'utilizzo dei cookie su questo sito serve a migliorare l'esperienza di navigazione. Accedendo a qualsiasi suo elemento accetti l'uso dei cookie.

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Libertà di Frequenza
 

Policlinico, apre la nuova unità operativa Dipartimentale di Terapia Intensiva Cardiotoracovascolare

policlinico giacconeApre il 16 gennaio, presso l’Azienda ospedaliera Universitaria P.Giaccone di Palermo, la nuova unità operativa dipartimentale di Terapia Intensiva Cardiotoracovascolare che sarà diretta dalla professoressa Cesira Palmeri.
L'unità operativa, incardinata nel Dipartimento di Emergenza e Urgenza diretto dal professore Antonello Giarratano, contribuisce ad elevare la qualificazione e la specializzazione dell'azienda ospedaliera, confermando la recente riclassificazione, operata dall’Assessorato, che la inserisce nella rete ospedaliera come azienda con DEA di II livello. E' dotata di 7 posti letto ad elevata tecnologia (dalla ventilazione polmonare avanzata alla Ecmo, dal monitoraggio pauciinvasivo al monitoraggio emodinamico invasivo), di 7 cardioanestesisti e 15 infermieri, tutte figure professionali ad alta specializzazione. È integrata nel servizio di Anestesia e Rianimazione del Dipartimento di Emergenza e Urgenza svolgendo la funzione di garantire tutto il giorno l’attività della Unità Operativa di Cardiochirurgia (18 posti letto), coordinata dal dottore Vincenzo Argano.
La Cardiochirurgia e la Terapia intensiva Cardiotoracovascolare sono le uniche che potranno garantire per la Sicilia Occidentale, in emergenza e in h 24 , questo tipo di attività sanitaria ad alta specializzazione, oltre che l’esecuzione e la gestione perioperatoria degli interventi di Chirurgia vascolare maggiore e di Chirurgia toracica, chirurgie specialistiche previste in una Azienda con DEA di II livello.
“In questo modo – dichiara il Rettore, Fabrizio Micari - prosegue l’adeguamento dell’Azienda ospedaliera universitaria di Palermo ai canoni necessari per un’alta  qualificazione dell’offerta sanitaria e , contemporaneamente, dell’offerta formativa,  sulla scia di un percorso che entro la fine del 2017 vedrà la piena realizzazione della progettualità con il completamento dei lavori di ristrutturazione edilizia che faranno definitivamente cambiare aspetto al Policlinico, confermandone il ruolo come struttura di II livello sotto il profilo sanitario e formativo.”